Nota del Sindaco del Comune di Favara sulla "Vicenda Farm" Stampa
Lunedì 31 Luglio 2017 12:58

Ho letto attentamente le controdeduzioni del notaio Andrea Bartoli relative all'ordinanza n.ro 146/2017 per la rimozione di due installazioni, denominate Butterfly Home ed Equi-latera localizzate presso Farm Cultural Park di Favara, qui allegata. Oggi mi sono confrontata con l’ing. Alberto Avenia e il Comandante della Polizia Locale Dott. Gaetano Raia per la verifica delle modalità adottate, dai pubblici ufficiali, in ossequio ai criteri di onestà, trasparenza e competenza, chiedendo oltremodo copia dell’intero fascicolo che ho esaminato puntualmente. Questi i documenti che ho visionato:

- Atto di denuncia-querela in forma scritta redatto dai proprietari di un immobile edificato dentro il cortile Bentivegna;

- Verbale di sequestro;

- Verbale di identificazione elezione di domicilio e nomina difensore;

- Relazione di servizio;

- Relazione tecnica;

- Rilievo fotografico.

Per la vicenda che ha portato poi all’ordinanza emessa il 24 luglio 2017, insiste un fascicolo aperto presso la Procura della Repubblica di Agrigento, quindi non posso divulgare informazioni sensibili o segreti di ufficio che riguardano un’indagine in corso dal mese di giugno scorso.

Mi sembra giusto però puntualizzare alcuni aspetti fondamentali.

1) I responsabili di posizione organizzativa sopra citati hanno agito esercitando le proprie funzioni nel pieno rispetto delle leggi e dei regolamenti in vigore.

2) Il versamento di € 1.437,18 effettuato in data 28/06/2017 da Farm Cultural Park sul ccp n.ro 10927929, fa riferimento ad una richiesta di occupazione di suolo pubblico che non è stata autorizzata. Farm Cultural Park, infatti, chiedeva un tipo di occupazione riguardante tutta la superficie pubblica del Cortile Bentivegna pari a circa 500 mq.

3) L'Amministrazione Comunale ha sempre sostenuto Farm Cultural Park e continuerà a farlo. Sempre.

4) Farm Cultural Park è un patrimonio di Favara e dei Cittadini Favaresi, che ha dato e darà tantissimo alla nostra Città. Farm si sviluppa su abitazioni private (che hanno diversi proprietari) alle quali si accede da una strada pubblica.

5) Farm Cultural Park è anche un modello di riqualificazione urbana che va custodito gelosamente e reso sostenibile, nel pieno rispetto delle regole, con la collaborazione di tutti: Amministrazione Comunale, Cittadini, Istituzioni e Associazioni. Sollevare polveroni e allarmismi che possono solo creare confusione non serve a nessuno, cerchiamo invece il dialogo e il confronto costruttivo nelle sedi opportune.

Nel mero interesse di tutelare Farm Cultural Park, l'Amministrazione Comunale si attiverà a concertare, con i propri dirigenti e le parti interessate, un incontro finalizzato alla risoluzione dei problemi emersi.

Il Sindaco Anna Alba

>>> Di seguito i dettagli temporali e normativi, con tutti i passaggi amministrativi della “vicenda Farm” <<<

Premesso che tutte le occupazioni di suolo pubblico devono essere preventivamente autorizzate ai sensi dell’art. 20 del Regolamento TOSAP (approvato con Delibera di CC n. 62 del 22/10/2012).

In data 10/04/2017 prot. 16067 veniva presentata un’istanza di occupazione di suolo pubblico di 20 mq da parte della FARM per l’istallazione di una struttura denominata “EQUI-LATERA”, senza indicazione del periodo temporaneo di occupazione di suolo pubblico; la stessa risultava carente della documentazione prevista dall’art. 20 del Regolamento TOSAP e non conforme in particolare all’art. 32 comma 1: “Tutte le occupazioni devono effettuarsi in modo da non creare pericolo per i passanti, in modo da lasciare libero l’ingresso ai negozi, case, cortili e da permettere il passaggio pedonale sui marciapiedi per non meno di ml 1,50.

Nel mese di giugno 2017 venivano effettuati dei sopralluoghi da parte della Polizia Municipale in cortile Bentivegna, da cui scaturivano alcuni provvedimenti penali e amministrativi. Infatti nel sopralluogo del 5/7/2017 risultava già collocata la struttura oggetto dell’istanza del 10/04/2017

Il 28/06/2017 perveniva, con nota prot. n. 28397, un’istanza di occupazione di suolo pubblico per 507 mq, ovvero per l’intera area del cortile Bentivegna.

Seguivano ulteriori accertamenti e sopralluoghi congiunti con la Polizia Municipale e personale dell’ufficio Tecnico che si concludevano in data 05/07/2017 con la notifica dei relativi verbali agli interessati.

Con la conferenza dei servizi del 10/07/2017 l’istanza del 28/06/2017 veniva rigettata per i seguenti motivi:

la richiesta non è conforme al Regolamento TOSAP di cui sopra, in particolare l’art. 20 che prevede quanto segue:

a) Tutte le occupazioni, devono essere preventivamente autorizzate. Chiunque richieda di occupare spazi ed aree pubbliche deve presentare domanda in carta legale al Comune, la domanda deve contenere:

[...]

c) l’ubicazione e la superficie che si intende occupare, l’oggetto dell’occupazione, i mezzi con cui si intende occupare;

d) alla domanda dovrà essere allegato il progetto dell’opera (indicazioni metriche dello spazio da occupare, grafici, disegni, fotografie, progetti, calcoli di stabilità ecc.);

[...]

f) per le costruzioni permanenti il Comune ha facoltà di modificare in tutto o in parte i progetti o di non concedere affatto l’autorizzazione, in armonia alle esigenze del traffico, del transito, della estetica o del piano Regolatore della città;

art. 21 del regolamento sulla TOSAP

[...]

e) nel caso di rilascio di autorizzazione permanente e temporanea, l’ufficio preposto è tenuto ad invitare il richiedente a ritirare il bollettino per il pagamento presso il servizio Tributi che provvederà al calcolo della tassa dovuta e ad esibire la quietanza di pagamento all’ufficio competente per il rilascio dell’autorizzazione;

art. 22 del regolamento sulla TOSAP

1) Le concessioni sono subordinate all’osservanza delle disposizioni contenute nel Regolamento TOSAP e in quelle di Polizia Urbana, Igiene ed Edilizia vigenti nel Comune e sono disciplinate da apposite norme di attuazione della stessa.

[…]

3) Le concessioni sono accordate:

a) senza pregiudizio dei diritti di terzi;

[...]

5) Tutte le occupazioni di suolo pubblico devono effettuarsi in modo da non creare intralcio o pericolo al transito dei passanti.

art. 32 del regolamento sulla TOSAP

1) Tutte le occupazioni devono effettuarsi in modo da non creare pericolo per i passanti, da lasciare libero l’ingresso ai negozi, case, cortili e da permettere il passaggio pedonale sui marciapiedi per non meno di ml 1,50.

Il pagamento effettuato di € 1.437,18 effettuato in data 28/06/2017 da Farm Cultural Park sul ccp n.ro 10927929, è stato determinato in maniera autonoma e unilateralmente e si riferisce all’istanza presentata in data 28/06/2017 per l’intera area del cortile Bentivegna, difformemente all’art 21 del Regolamento TOSAP succitato.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (ord_146_24_07_2017.pdf)ord_146_24_07_2017.pdfOrdinanza 146-20171567 Kb
Ultimo aggiornamento Venerdì 18 Agosto 2017 09:32
 

Utilizziamo cookie tecnici e di terze parti per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Cliccando su Chiudi acconsenti all'uso dei cookie. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Accetto i cookies provenienti da questo sito.